800 23 01 65

  • testata titolari 50 anni

    50 anni di esperienza al servizio dell'udito

  • testata nuova sede

    NUOVA SEDE: in Viale della Stazione, 27

  • testata nonni nipoti

    50 anni di esperienza al servizio dell'udito

  • prevenzione problemi udito

    50 anni di esperienza al servizio dell'udito

Domande frequenti

Come posso riconoscere un problema di udito?

La perdita uditiva spesso inizia senza che noi ce ne accorgiamo in quanto non porta con sé disturbi e fastidi. In elenco troverai alcune domande utili da porti per verificare se si può parlare di perdita uditiva:

  • chiedo spesso alle persone di ripetere?
  • ho difficoltà nell’ascolto di conversazioni tra più di due persone?
  • ho difficoltà a comprendere una persona che non si trovi davanti a me?
  • ho l’impressione che gli altri sussurrino o parlino in modo poco chiaro?
  • ho difficoltà ad ascoltare in luoghi affollati quali ristoranti o centri commerciali?
  • ho maggiore difficoltà ad comprendere se parlano donne o bambini?
  • ho la tendenza da alzare il volume di TV e radio rispetto agli altri?
  • ho la sensazione di sentire ronzii o fischi nelle orecchie?

Se avessi una perdita uditiva, il medico sarebbe in grado di diagnosticarla?

Riconoscere i sintomi di una perdita uditiva non è sempre facile, non solo perché soltanto il 13% dei medici effettua un esame audiometrico come prassi comune, ma anche perché la maggior parte delle persone con problemi di udito sente abbastanza bene in ambienti silenziosi come l'ambulatorio del medico e ciò rende difficile l'individuazione del problema. Nei centri InMedica, medici specializzati effettuano test dell'udito e prime visite gratuitamente.

La perdita uditiva è tipica delle persone anziane?

La perdita uditiva non ha età e può avvenire in qualsiasi momento. Il 68% delle persone con problemi di udito sono nella fascia di età sotto ai 65 anni.

Quali sono le cause di una perdita uditiva?

Le cause delle perdita dell'udito sono le più disparate. Molte sono riconducibili ai rumori eccessivi, infezioni, fattori genetici o reazione a medicinali o ai trattamenti radioterapici.

Quali sono le professioni maggiormente a rischio?

Le persone maggiormente a rischio sono quelle che svolgono delle professioni esposte ai rumori eccessivi e alle infezioni quali operai metalmeccanici, operai che lavorano in cantieri edili, pompieri, poliziotti, contadini, militari, musicisti e professionisti del mondo dello spettacolo.

L’apparecchio acustico non mi farà apparire disabile o vecchio?

Gli apparecchi acustici con stile ingombrante ricoprono ormai solo l'1% degli apparecchi oggi in commercio. Gli apparecchi acustici infatti sono sempre più avanzati e caratterizzati da design minimaliste e tecnologie che permettono di nascondere il nucleo centrale completamente nel canale uditivo.
Portare un apparecchio acustico può creare disagio, ma spesso le persone attorno a te non badano e non si accorgono neanche dei dispositivi portati in quanto discreti e alle volte invisibili.
Sicuramente riteniamo sia peggio non portare una protesi acustica e non afferrare parti del discorso che porteranno ad agire in maniera talmente evidente che chi è attorno si accorgerà del problema di udito anche senza avere visto un apparecchio acustico.

Come funzionano gli apparecchi acustici?

Gli apparecchi acustici sono microfoni che convertono il suono in segnali elettrici. Tali segnali vengono potenziati da un amplificatore e successivamente convertiti in suono che viene indirizzato nel canale uditivo attraverso un tubicino o chiocciola.

Un apparecchio acustico è in grado di restituirmi l’udito?

Nessun apparecchio acustico è in grado di restituire l'udito alla condizione iniziale (ad eccezione di perdite molto lievi), ma i prodotti che propone InMedica permettono di udire i suoni lievi ormai andati perduti e di filtrare i suoni troppo forti prima che divengano fastidiosi migliorando, al contempo, la tua capacità di comprendere il parlato.

Potrò ascoltare conversazioni in luoghi rumorosi?

Gli apparecchi proposti da InMedica riescono a ridurre alcuni tipi di rumore di fondo per garantire buona qualità della comunicazione in luoghi affollati.

Come trovo l'apparecchio più adatto a me?

Sono diversi i fattori che incidono sulla scelta dell'apparecchio acustico più adatto alle tue necessità. Sicuramente tra questi rientrano la natura e la gravità della perdita acustica, lo stile di vita, il tipo di lavoro, la vista, la dimensione e la forma del tuo canale uditivo interno.
InMedica segue i propri assistiti e permette la prova gratuita per 30 giorni degli apparecchi acustici per verificarne la qualità.

Avrò bisogno di un apparecchio o di due?

Dipende dalla perdita uditiva, se questa avviene in entrambe le orecchie o in una soltanto. Nel caso di perdita uditiva da un solo orecchio è possibile utilizzare un solo apparecchio acustico. Nel caso di perdita uditiva da entrambe le orecchie, la soluzione ottimale prevede l'utilizzo di due apparecchi acustici.

Trovo apparecchi molto economici sul mercato: come devo comportarmi?

I modelli economici sono dei semplici amplificatori non in grado di discernere cosa amplificare e cosa no (inclusi i rumori circostanti).
I prodotti InMedica sono il risultato di ricerca tecnologica e nanotecnologia che permette all'apparecchio acustico di essere programmato in funzione dei luoghi da te frequentati. La protesi si regola in modo automatico durante il passaggio da un luogo ad un altro e ciò migliora in maniera importante la qualità dell'udito e della vita.

Penso di aver bisogno di un apparecchio acustico: come faccio?

Devi prendere un appuntamento con un audioprotesista dei centri di InMedica per una valutazione e un test audiometrico. Presso i nostri centri consulenza e test dell'udito sono gratuiti e non impegnativi!

INMEDICA | 27, Viale Stazione - 05100 Terni (TR) - Italia | P.I. 03235330549 | Tel. +39 800 230165   - Tel. +39 0744 59597 | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite